domenica 27 maggio 2018

CÜMIAC(G) - GIUGNO 2018

CÜMIAC(G)     
 GIUGNO 2018
FOGLIO INFORMATIVO A CURA DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE - PRO MANUSCRIPTO


Cari Comignaghesi   
ILLUMINATA LA SCALA CHE PORTA ALLA PARROCCHIALE
La scalinata che sale da piazza Martiri alla chiesa parrocchiale è una delle caratteristiche e delle attrattive  di Comignago. Una prospettiva sorprendente agli occhi di chi la guarda per la prima volta.
La parte alta risale al 1796 per iniziativa del sacerdote De Giorgi. Quella inferiore invece risale a tempi decisamente più recenti. In tutto sono oltre cento gradini in granito rosa di Baveno.
Questo spettacolo architettonico che negli ultimi anni è stato sempre più valorizzato e considerato (basti pensare all’ormai tradizionale “Scalinata in fiore”), rimaneva però quasi del tutto nascosto dopo il tramonto.
L’Amministrazione ha pertanto fatto redigere un progetto di illuminazione con il quale ha partecipato ad un bando della Regione Piemonte. Riconosciuta la validità di tale progetto la Regione ha assegnato un contributo di 35.000 euro dei 48000 necessari a completare l’opera e a sostituire l’impianto comunale di via Volta ormai obsoleto e non più a norma
Fari sono stati messi ai lati della salita e lungo i due collegamenti laterali verso via De Giorgi da un lato e via Don Visconti dall’altro.
L’inaugurazione ha avuto luogo alle 18 di sabato 23 dicembre alla presenza del Sindaco  e del Parroco che ha benedetto l’opera.
Tra gli immancabili critici che hanno addotto le più fantasiose motivazioni per denigrare l’opera, spiccano quelli che hanno sottolineato che con tale cifra si sarebbe potuto fare altro. Di questo l’Amministrazione è ben conscia, altre spese erano forse più urgenti e necessarie. E’ pertanto necessario ribadire che il bando regionale era finalizzato esclusivamente ad opere di illuminazione. Non sarebbe stato possibile partecipare a tale bando e poi utilizzare il contributo ricevuto per opere diverse da quelle espressamente indicate nel regolamento. Sicuramente sarebbe stata invece una scelta miope non partecipare e perdere un’occasione cosi importante.
LE BANCARELLE NATALIZIE DEI PROFUGHI OSPITATI A COMIGNAGO E MAGGIORA
Sempre sabato 23 dicembre, nell’ambito dell’inaugurazione dell’illuminazione della scalinata, i ragazzi profughi del campo di Maggiora e Comignago hanno esposto i loro oggetti preparati per Natale. Tra i 21 ragazzi ospitati a Comignago ci sono Cristiani e Musulmani che hanno aderito volentieri alla manifestazione, partecipando agli eventi del territorio.
I responsabili hanno spiegato che le attività dei ragazzi riguardano scuola serale per il raggiungimento della licenza media, corsi di giardiniere e lavori socialmente utili.
CENA MULTIETNICA
La sera di sabato 17 febbraio presso l’oratorio parrocchiale alcuni giovani richiedenti asilo ed ospitati a Comignago, con la cooperativa Versoprobo, il patrocinio del Comune e la supervisione della Pro Loco, hanno offerto una cena con menù tipico dei loro paesi di provenienza.
La coordinatrice Beatrice Vecchio ha presentato il gruppo di ragazzi tutti desiderosi di integrarsi con il territorio e di apprendere la lingua italiana con l’insegnante Victoria Fosu.
Con platano fritto, zuppa di fagioli, cous cous, banku con spiedini di carne e dolce nhkati, i numerosi commensali hanno conosciuto i nuovi sapori (anche se per i palati più tradizionali e meno inclini alla novità non è mancato qualche piatto locale).
I giovani che hanno dato prova di esperienza culinaria non sono nuovi al desiderio di integrazione, infatti durante le festività natalizie hanno presentato oggetti di loro produzione, mentre durante tutto l’anno si sono resi utili alla comunità aderendo alla convenzione con il Comune per i lavori socialmente utili quali la pulizia delle strade.
Un buon rapporto di vicinato accompagna il loro soggiorno.
ORTI E SPAZI VERDI COLTIVATI DAI MIGRANTI
I giovani richiedenti asilo ospiti presso il nostro Comune sono stati coinvolti in un nuovo progetto che darà loro la possibilità di rendersi utili e di imparare un mestiere spendibile in futuro.
Si tratta della “permocoltura”, un approccio all’ambiente e alla coltivazione che punta a sistemi produttivi durevoli, efficienti ed in grado di mantenersi e rinnovarsi con basso impiego di energia.
Il Comune ha già messo a disposizione un terreno vicino al cimitero, che fino a poco tempo fa era invaso dai rovi e che ora i volontari hanno ripulito con l’ausilio di un escavatore. Il terreno ora di nuovo agibile verrà affidato ai ragazzi che con l’ausilio di un tutor, potranno sperimentare sistemi alternativi di regimentazione delle acque, concimazione e coltivazione di ortaggi.
16 dei 25 ragazzi hanno aderito al progetto e a marzo hanno iniziato i lavori.
Successivamente il loro intervento potrebbe ampliarsi. Infatti a ridosso del terreno c’è un’area boschiva di proprietà del Comune, che se sistemata con interventi appropriati potrebbe diventare un “bosco sociale”, luogo di ritrovo pulito e sicuro con tanto di recinzione.
COMIGNAGO COMUNE VIRTUOSO
L’Amministrazione desidera complimentarsi con tutti i concittadini di Comignago per l’ottimo risultato conseguito con la raccolta differenziata.
Dai dati pervenuti dal Consorzio Medio Novarese (visionabili e pubblicati nel sito) in appena due anni dall’inizio della raccolta con sacco conforme, con i suoi 53,61 kg/abitante/anno di indistinto in discarica Comignago può fregiarsi del titolo di Comune più virtuoso della Provincia!!!
Questo risultato porta il costo del servizio per abitante al valore più contenuto rispetto a tutti gli altri Comuni.
Purtroppo il fatto che non tutti abbiano conseguito gli stessi risultati e la chiusura della discarica di Barengo non hanno permesso di ridurre le tariffe come fatto l’anno scorso perché si sono avuti costi maggiori di trasporto in località più lontane (Cavaglià).
Se gli stessi nostri risultati fossero ottenuti da tutti i Comuni, si otterrebbero sensibili risparmi.



LA NOSTRA”BUONA SCUOLA”
GLI ALUNNI DELLA PRIMARIA UNGARETTI SONO STATI GIORNALISTI PER UN GIORNO
I ragazzi della classe quarta accompagnati dalla loro maestra si sono recati in gita culturale presso la sede Sky di Rogoredo per vivere “in diretta” il tema svolto durante l’anno scolastico.
Un’esperienza coinvolgente quella di partecipare a Sky Academy, cioè alla realizzazione di un servizio giornalistico su un tema preparato a scuola.
Il tema affrontato dai bambini durante l’anno è stato “ i diritti dei bambini” con una particolare attenzione al tema del razzismo, discriminazione e al problema dell’immigrazione che vede l’Italia in prima fila nell’accoglienza anche di minori in arrivo nel  nostro paese senza famiglia.
Dopo una visita agli studi televisivi Sky Sport, i bambini sono stati accolti in studi appositamente realizzati per loro e ciascuno ha assunto un ruolo (cameraman, montatore, regista e produttore , giornalista conduttore e giornalista inviato). Con l’aiuto dello staff hanno realizzato un servizio giornalistico ed al termine ad ognuno è stata regalata una chiavetta usb con il lavoro svolto.
LETTURE E LABORATORI CON “NATI PER LEGGERE”
Sta ormai diventando tradizione la settimana di “Storie piccine” dedicata alla lettura che le volontarie della biblioteca propongono ogni anno ai bambini fino ai dieci anni in collegamento con l’iniziativa nazionale “Nati per leggere” che ha  l’obiettivo di incentivare la lettura ad alta voce fra genitori e bimbi.
Da martedì 6 a sabato 17 marzo la biblioteca comunale, la sala mensa della scuola primaria e il Nido degli Scoiattoli hanno accolto gli alunni della scuola dell’infanzia di Comignago e di Agrate, i bimbi del 2017 e il laboratorio di lettura animata e manualità per i bambini dai 4 ai 10 anni.
Il filo conduttore degli incontri è stato “L’albero magico” delle quattro stagioni e la storia con debita morale del “Piccolo bruco Maisazio” che alla fine diventa farfalla.
Le letture sono state accompagnate dalla realizzazione a tema di oggetti creati con materiali di recupero. Ad ogni incontro i bambini hanno confezionato tulipani,uccelli, pulcini, farfalle mentre ai neonati del 2017 (3 maschi e 5 femmine)  è stato offerto in dono un libro e un buono omaggio della farmacia comignaghese del dottor Venco.


MANIFESTAZIONI ED EVENTI
CAMMINATA SUI BINARI DELLA FERROVIA SANTHIA’-ARONA
Nonostante la pioggia sabato 10 marzo si è svolta con successo la marcia sui binari della linea ferroviaria Santhià-Arona. La richiesta di un servizio pubblico efficiente è stata alla base della camminata che ha visto la partecipazione di oltre un centinaio di persone con Sindaci in fascia tricolore ed Amministratori locali.
 La manifestazione è stata promossa dal Comitato dei Sindaci dei Comuni serviti dalla linea ferroviaria suddetta, recentemente costituito su iniziativa della città di Arona al fine di chiedere il ripristino del servizio ormai sospeso da alcuni anni.
Essendo Comignago Comune interessato, l’Amministrazione ha prontamente aderito all’ iniziativa atta a tutelare il nostro trasporto pubblico.
In seguito al convegno tenutosi a Gattinara è emersa la necessità di inviare una lettera agli enti competenti per chiedere ufficialmente la riapertura della linea e l’avvio di un tavolo di confronto sul tema. Si è inoltre avviata una petizione on line dal titolo “Riaprire la ferrovia Santhià-Arona” che l’Associazione Ferroviaria Internazionale Torino-Svizzera ha pubblicato sul sito www.change.org.
PULIAMO COMIGNAGO
Sabato 24 marzo la cittadinanza comignaghese su invito dell’Amministrazione comunale anche quest’anno si è attivata  raccogliendo immondizia lasciata ai margini delle strade e dei boschi.
Muniti di guanti e giubbotti ad alta visibilità, adulti e bambini si sono incontrati presso il piazzale della stazione ferroviaria e seguendo percorsi diversi hanno raccolto tanta spazzatura da colmare il cassone di due motocarri.
Un gioioso aperitivo, gustato sotto il nuovo gazebo installato presso la sede del Municipio, ha concluso la giornata.
LIBRINFIORE
I volontari della Biblioteca comunale hanno celebrato per il quarto anno la Giornata mondiale del libro.
Preceduta da una serata letteraria in villa Giannone tenutasi sabato 21, lunedì 23 la ricorrenza ricordata in tutto il mondo, quest’anno è stata dedicata in particolare alla scuola. I bambini si sono accostati alla gradinata che porta alla chiesa parrocchiale ricoperta per l’occasione di libri e fiori (questi ultimi offerti dalla Scuola agraria Cavallini di Lesa).
Nella mattinata i ragazzi più grandi si sono recati a gruppi in luoghi significativi del paese: il mulino con il suo magnifico parco, il parco dei Lagoni con le sue tombe romane e celtiche.
Particolare menzione merita “l’orto solidale”che con fatica sta nascendo estirpando rovi e seminando cereali con la partecipazione dei ragazzi migranti ospiti a Comignago.
Nel pomeriggio i più piccoli dal nido alla prima e seconda elementare, hanno ascoltato la favola gustando poi una buona merenda offerta dalla Pro Loco ed un momento di libertà nella piazza libera da veicoli.
Anche quest’anno si è potuto consultare e leggere i libri, portandoli anche a casa con una modica offerta.
UNA BRUTTA SORPRESA
Domenica 8 aprile la comunità comignaghese si è risvegliata con una spiacevole sorpresa: ignoti teppisti hanno vandalizzato la scalinata che dalla piazza sale alla chiesa parrocchiale. Tutti (tutti!!!) gli scalini della prima rampa sono stati scheggiati con metodo e precisione chirurgica, creando una linea continua che si può facilmente seguire con lo sguardo dal primo all’ultimo scalino.
L’Amministrazione ha immediatamente preso contatto con I Carabinieri e sporto denuncia contro ignoti.
Oltre alla ferita inferta a questo bene artistico, resta l’amarezza nell’assistere a tanta inciviltà e stupidità. La scalinata è nei cuori di tutti, è un punto di incontro ed è un po’ il simbolo del nostro paese. Talentuosi volontari ne hanno fatto fulcro di svariate attività culturali, spose emozionate l’hanno salita nel giorno più bello della loro vita ed aspiranti Miss e modelle l’hanno discesa sognando passerelle prestigiose, musicisti ed attori l’hanno utilizzata come palcoscenico per le loro rappresentazioni e addirittura un cantante locale ne ha fatto sfondo ad un video musicale facilmente visibile in you tube.
L’ Amministrazione ha appena impegnato energie e risorse per renderla più piacevole con un adeguato impianto di illuminazione e la parrocchia ne fa coreografia per processioni e manifestazioni religiose.
Tutto questo è stato offeso da un gesto incivile e scellerato ma ciò non deve farci vivere nel timore e nella rabbia. L’invito è a tornare più numerosi di prima a far vivere la “nostra” scalinata.
All’Amministrazione resta il rammarico di non essere riuscita,  per mera mancanza di fondi, a dotare la piazza di un adeguato sistema di videosorveglianza. Non si sarebbe forse fermato il gesto insano, ma probabilmente l’ignoto barbaro avrebbe un nome.
RINGRAZIAMENTI
 A conclusione dell’anno scolastico, l’Amministrazione Comunale intende ringraziare tutti i Volontari del prescuola che con la loro presenza puntuale, costante e generosa hanno reso tale servizio possibile.
Apprezzato e del tutto gratuito il servizio prescuola è stato un supporto di qualità per molte famiglie che per i propri figli hanno potuto contare su di  un ambiente accogliente e sicuro.
AVVISO
Tutti i maggiorenni del nostro Comune che volessero far parte del Gruppo dei Volontari Comunali possono far domanda compilando apposito modulo.
E’ sempre possibile iscriversi e non è mai troppo tardi per farlo. Il Vostro sarà un contributo importante.
Informazioni presso il Comune
Tutte le Vostre comunicazioni dovranno pervenire
-          per posta all’indirizzo                    COMUNE DI COMIGNAGO Via Principale 4
-          per email all’indirizzo                    informa.cittadino@comune.comignago.no.it

mercoledì 25 aprile 2018

TERRA MANENT

Titolo del progetto:                              TERRA MANENT 
                       Bosco Sociale e non solo 

Oggetto: progetto di integrazione sostenibile e di educazione ambientale;

Settore: agricoltura biologica e selvicoltura;
  
Ente promotore: comune di Comignago (NO);

Collaborazioni: ospiti della casa di accoglienza “Le Villette” di Comignago (cooperativa VersoProbo);

Beneficiari: l’intera cittadinanza;

Conduttori: (2) un volontario specializzato nel settore agricolo e un volontario specializzato nel settore socio educativo;
  
Durata: 3 anni  per il completamento degli interventi progettuali. Questo periodo di tempo è ritenuto idoneo per una partenza realistica dell’ampio potenziale dell’idea. Al termine di questo periodo e verificatasi l’avvenuta messa in opera degli interventi e delle attività previste in sede progettuale, il progetto Terra Manent ristabilirà nuovi obiettivi nel rispetto dei principi fondanti, allo scopo di valorizzare ulteriormente la nuova realtà creata e le sue possibilità di rinnovamento; 

Un po’ di teoria: Il bosco è realtà sociale per natura. Nasce e si alimenta grazie ad un equilibrio di cooperazione spontanea tra esseri viventi totalmente diversi. Il bosco sociale Terra Manent intende inserire l’elemento uomo mantenendo lo stesso principio di condivisione e consegnandogli il compito di dedicarsi al perseguimento di obiettivi di bellezza e di utilità che possano ricadere sull'intera collettività;
  
Contenuti sociali:  La proposta progettuale di Terra Manent consiste nell'offrire ai richiedenti asilo politico della casa accoglienza “Le Villette” un’occasione di avvicinamento al mondo dell’agricoltura biologica in un contesto boschivo, pubblico e riqualificato, dedicato alla bellezza;

Ambiti di intervento: Terra Manent è un bosco sociale. Il terreno è di proprietà comunale, dell’ampiezza complessiva di circa 5000 metri quadrati. All'interno dell’area interessata prendono vita due contesti distinti quanto complementari. Un’area produttiva di orto biologico e un’area contemplativa di bosco didattico. La manutenzione delle due realtà è a carico dei richiedenti asilo, dei conduttori e dei volontari che volessero prestare la loro opera al bene comune. 
A partire dal mese di gennaio 2018 si è dato avvio ad un’ampia opera di bonifica del terreno con l’estirpazione di rovi e schianti abbandonati che rendevano inaccessibile l’area e nascondevano le sue potenzialità. 
Orto bio: Un settore pianeggiante già privo di vegetazione arborea ad alto fusto dell’ampiezza di 1000 metri quadrati è il luogo destinato a diventare area per la coltivazione biologica, a scopo didattico e di consumo, diretto agli ospiti della casa di accoglienza “Le Villette”. 
L’area interessata sarà teatro visibile di un cambiamento attraverso il lavoro e le competenze fornite ai fruitori da un esperto del settore. L’intento è formare professionalmente le persone per un lavoro riguardoso del territorio e capace di dare soddisfazione concreta, evidente e di qualità. 
Ovunque queste abilità dovessero essere impiegate in futuro, saranno bagaglio personale degli attuali fruitori, che nel frattempo avranno avuto la possibilità di vivere a contatto con una realtà del fare fortemente collegata alle soddisfazioni e alle armonie naturali prodotte dalla terra. 
L’ambizione del progetto si spinge fino a considerare i prodotti finali delle coltivazioni non solo come bene di prima necessità direttamente consumabile presso la casa di accoglienza, ma anche come beni di qualità da poter destinare alla vita comunitaria del paese e ai suoi abitanti attraverso formule compatibili con lo spirito del progetto e riguardose di ciò che è frutto di un lavoro.  
In una vera ottica di scambio il territorio si offre, viene rivalutato, e diventa bene di condivisione. 
Al termine del periodo considerato sarà possibile fare una realistica analisi del progetto per eventuali rinnovi, modifiche o ampliamenti dello stesso.  
Bosco vivo: l’intervento nell'area boschiva del terreno avrà il semplice ma non banale scopo di valorizzare la bellezza naturale del luogo. Un bosco curato e ripopolato di esemplari autoctoni in gran parte sostituiti dalla robinia. Una biodiversità da ricreare nel tempo e mantenere per ridare alla collettività un luogo di pubblico utilizzo. Tigli, querce, castagni e noci in compagnia di qualche esemplare frutticolo troveranno casa in un contesto a forte indirizzo didattico per le scuole e ricreativo per il relax di una passeggiata o di una lettura. Alberi ad alto coefficiente di apprezzabilità per l’uomo e la fauna presente. 
I richiedenti asilo avranno il compito della manutenzione e della cura anche di quest’area, per un sottobosco facilmente accessibile alle famiglie. Non sarà necessario uno stravolgimento di ciò che è esistente, ma un’opera di cura da prestare dopo la prima bonifica da rovi, schianti e alberi malati.  
La fantasia aiuterà a dare un aspetto gentile al luogo con casette per gli uccelli, spiazzi per picnic, aree dedicate ai fiori.  
Finalità: L’ambizione è di fornire un’area che possa essere risposta ad esigenze diverse, con ricaduta diretta su tutta la cittadinanza.  
• La riconsegna di un luogo pubblico pulito, accessibile e bello; 
• La costituzione di una palestra professionale sui principi di una agricoltura biologica e rispettosa; 
• La concretizzazione di un luogo di integrazione attiva, basato sul fare e sull'espressione di idee; 
• Fornire un contesto per la didattica, il relax, la cultura. 
Il percorso prevede un iniziale triennio di formazione alle persone interessate per poter apprendere, sia su base teorica sia attraverso la pratica, le tecniche di un corretto e rispettoso lavoro agricolo, dalla bonifica alla rotazione e associazione delle diverse colture.  
Necessità progettuali alla partenza:  
• Recinzione dell’area orto; 
• Attrezzi da lavoro per gruppi di 4/5 persone; 
• Disponibilità fonte idrica; 
• Ricovero attrezzi; 
• Promozione del progetto attraverso iniziative di informazione e sensibilizzazione.

Step annuali di progettazione: 

2018:  
• bonifica del terreno e attivazione dell’orto a cura dei ragazzi della casa di accoglienza “Le Villette”; 
• attività di formazione professionale per i ragazzi coinvolti nel rispetto dei principi di agri-bio; 
• recinzione per l’area orto; 
• acquisto degli attrezzi da lavoro necessari per gruppi di intervento di 4/5 persone; • bonifica e manutenzione dell’area boschiva adiacente alla zona orto; • attivazione di iniziative didattiche e di sensibilizzazione con la scuola primaria; • inclusione nel circuito di opportunità per la cittadinanza; 
• Piantumazione di piante e arbusti autoctoni e da frutto. 

2019: 
• continuità del progetto orto con principi di rotazione; 
• tutto raggio per i ragazzi coinvolti e loro specializzazione; 
• mantenimento dell’area boschiva già fruibile e suo ampliamento fino a totale copertura del terreno; 
• impianto di irrigazione a goccia per un’ottimizzazione della risorsa acqua; 
• apertura delle proposte didattiche e di sensibilizzazione per le scuole primarie del territorio; 
• istallazione di pannelli illustrativi per i visitatori; • aree relax per le famiglie. 

2020: 
• avvio della fase autonoma per gli aderenti al progetto con mantenimento della consulenza; 
• installazione di una serra a scopo didattico e per un prolungamento stagionale delle attività; 
• area boschiva come luogo ricreativo con attenzione a elementi estetici pertinenti con lo spirito dell’iniziativa; 
• continua cura dell’intera area e presentazione di progetti socio-culturali per la cittadinanza, 
• promozione di eventi. 

mercoledì 13 dicembre 2017

CUMIAG DICEMBRE 17


CÜMIAC(G)

DICEMBRE2017

FOGLIO INFORMATIVO A CURA DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE - PRO MANUSCRIPTO


Cari Comignaghesi
nel porgerVi i più sinceri auguri per le imminenti feste, l’Amministrazione comunale ha il piacere di informarVi su ciò che è avvenuto ed è stato fatto in quest’ultimo semestre.
IN BIBLIOTECA CON “UN FILO TIRA L’ALTRO” NASCE AMICIZIA E SOLIDARIETA’
L a biblioteca civica di Comignago, forte del successo ottenuto lo scorso anno, propone serate dedicate ad appassionate/i di lavori a maglia: è un’occasione per imparare, condividere la propria esperienza, facilitare e consolidare vecchie e nuove amicizie.
Un congruo gruppo di giovani signore è al secondo anno di entusiasta “lavoro”. La proposta iniziale era di mettere in comune esperienze ed insegnamenti reciproci  nel campo del ricamo.
Raggiunto l’obiettivo primario della aggregazione, è sorto anche il desiderio di dedicare tempo e abilità per aiutare persone in difficoltà. Le nostre signore,  aderendo alla richiesta del reparto  maternità dell’Ospedale di Borgomanero, stanno sferruzzando copertine per neonati che consegneranno a favore di mamme e partorienti  in difficoltà economiche.
Per chiudere in dolcezza, ogni serata è occasione per gustare le deliziose torte preparate dalle stesse mani operose.
 L’ALBERO MONUMENTALE PATRIMONIO VERDE DEL PIEMONTE
Il grande cedro dell’Himalaya o del Libano, come comunemente i Comignaghesi lo ricordano, è stato inserito tra i nove alberi monumentali patrimonio verde della provincia di Novara.
Con il suo tronco di 6 metri di circonferenza e l’altezza di 33 metri ha meritato il titolo di “monumentale” per età e dimensioni.
Si pensa sia stato piantato all’inizio del ‘900 durante la costruzione della villa di famiglia di Natalina Rossi, poi donata dalla stessa per realizzare l’asilo per i bambini ed ora sede del Comune.
Dal settore forestale della Regione Piemonte apprendiamo che “le piante cosiddette monumentali sono un bene comune da tutelare per il loro valore naturalistico, paesaggistico e storico. Rappresentano pure un’opportunità di sviluppo turistico ed educativo”.
L’Amministrazione lo ha ulteriormente valorizzato con un tappeto verde e le panchine che lo circondano sono punto d’incontro per i giovanissimi.
REALIZZAZIONE DI NUOVI LOCULI CIMITERIALI
Nel mese di settembre la Giunta ha deliberato l’approvazione del progetto finalizzato alla realizzazione dei nuovi loculi e cellette ossario presso il cimitero comunale.
I loculi verranno assegnati in concessione per quaranta anni agli interessati che faranno pervenire apposita istanza agli uffici comunali.
La richiesta, da inoltrare nel rispetto del Regolamento Comunale, dovrà essere sottoscritta dal richiedente e protocollata dal Comune negli orari di apertura degli uffici, accompagnata da un documento d’identità e codice fiscale.
Alla domanda dovrà essere altresì allegato l’impegno del richiedente a versare, a titolo di acconto, la somma pari al cinquanta per cento del costo di assegnazione del singolo loculo che verrà determinata in sede di approvazione del progetto definitivo.
Per informazioni su modalità, prenotazioni e prezzi ci si può rivolgere in Comune.
NUOVA LUCE IN PAESE
Grazie al contributo regionale erogato al nostro Comune in seguito alla nostra adesione ad un apposito bando di gara (contributo pari al 70% dell’importo preventivato per i lavori), prossimamente si procederà alla realizzazione di un nuovo impianto di illuminazione pubblica e all’adeguamento e sistemazione di quello esistente.
Il nuovo impianto di illuminazione architettonica in esterni relativa alla facciata della chiesa ed alla scalinata d’accesso denominata “De Giorgi” si inserisce in un programma comunale di riqualificazione tecnologica degli impianti di illuminazione pubblica comunale, ma anche nel progetto di valorizzazione dei monumenti storici presenti nel comune. Pertanto, mentre la riqualificazione tecnologica degli impianti ha come obiettivo l’efficientamento dei centri luminosi stradali (in particolare di via Volta), l’illuminazione dei monumenti ha come obbiettivo, sia la loro fruizione anche nelle ore notturne, sia il conferimento agli stessi del merito di attenzione.
La luce artificiale infatti non è un semplice sostituto della luce naturale, ma assume un ruolo di valorizzazione di determinati contesti architettonici.
Cosi, in modo originale, grazie ad un uso sapiente della luce, il paese promuove sé stesso, esponendo alla vista di tutti i propri luoghi di pregio.
Nel sito del Comune troverete la descrizione dell’intero progetto con una esaustiva descrizione dei modi e dei mezzi che verranno utilizzati.
DUE TAVOLINI ED UN GAZEBO PER IL PARCO COMUNALE
Nel mese di novembre alcuni consiglieri comunali aiutati dai volontari, hanno posato un tavolo in marmo ed un gazebo nel giardino del Comune. Un secondo tavolo verrà posato prossimamente.
I tavoli sono due lastre di marmo che furono la pavimentazione dei pianerottoli della vecchia villa Rossi-Giannone, rimossi per motivi di sicurezza durante i lavori di ristrutturazione che ne hanno fatto l’attuale sede comunale.
Il gazebo è stato invece gentilmente offerto dalla ditta “Moreno” di Fontaneto che sentitamente ringraziamo.
Le strutture sono ora di pubblico utilizzo e nella bella stagione potranno essere un piacevole ritrovo per chi recandosi in biblioteca decidesse di consultare un libro all’aperto, consumare una merenda in compagnia o semplicemente ritrovarsi.
Ringraziamenti vanno al Geom. Enzo Servidio ed al Signor Bruno Zampogna che hanno offerto materiali e mezzi meccanici per i lavori in muratura e per la movimentazione delle lastre di marmo (peso 4 quintali!!).
Ovviamente grazie ai pazienti volontari, sempre puntuali e presenti.
PULIZIA E MANUTENZIONE DEI TERRENI
In ottemperanza agli articoli 29 e 31 del D.Lgs n. 285/1992 del nuovo codice della strada “PIANTAGIONI E SIEPI”, che impongono la pulizia e la manutenzione di terreni e aree di pertinenza delle strade comunali per la salvaguardia della circolazione stradale, del decoro, dell’igiene e della salute pubblica e preso atto che in molte aree, non risultando attuati gli interventi prescritti, lo stato della vegetazione era tale da compromettere i suddetti aspetti rispetto alla viabilità o addirittura anche la sicurezza e l’efficienza della pubblica illuminazione, a partire dal mese di ottobre si è disposto, mediante idonea comunicazione, di far rispettare gli obblighi sopra citati.
I proprietari dei terreni interessati (in prossimità di strade e che necessitano di intervento) sono stati invitati a rispettare l’obbligo di manutenzione entro 15 giorni dal ricevimento della comunicazione. Questo onde evitare di incorrere in sanzioni o che gli interventi venissero eseguiti d’ufficio con addebito delle spese sostenute.
Spinti da senso civico ( o più semplicemente intimoriti dalle sanzioni) la quasi totalità degli interessati ha provveduto in merito rendendo le vie coinvolte decisamente più sicure, luminose e spaziose.
Prossimamente si provvederà a contattare i proprietari dei terreni delle zone del paese mancanti.
Per informazioni e chiarimenti gli interessati possono contattare l’ufficio di polizia locale dal lunedì al venerdì dalle 11,00 alle 12,00 o l’ufficio tecnico il sabato dalle 9,30 alle 12,30.

Codici e regolamenti di riferimento sono facilmente consultabili anche in internet.

LA NOSTRA”BUONA SCUOLA”
GENITORI IMBIANCHINI PER UNA SCUOLA PIU’ BELLA
A conclusione dell’anno scolastico un gruppo di genitori si è impegnato a tinteggiare le aule della scuola primaria con i prodotti donati dalla ditta Akzo Nobel per un valore di circa 2000 euro.
Venerdì 30 giugno i bambini sono stati invitati a tagliare il nastro inaugurale di una scuola rinnovata. La dirigente scolastica, il sindaco e le maestre ringraziano i genitori e i responsabili di Akzo Nobel che hanno reso realtà questa opera di miglioramento.
INIZIO ANNO SCOLASTICO 2017 PER LA SCUOLA PRIMARIA
Lunedì 11 settembre è iniziato il nuovo anno scolastico. La nostra scuola primaria è frequentata da 94 alunni: 15 in prima, 17 in seconda,14 in terza,25 in quarta e 23 in quinta. Le insegnati sono le stesse dell’anno scorso.
I progetti più importanti finanziati dal Comune sono il potenziamento della lingua inglese per tutte le classi con insegnante madrelingua; il musical “Pinocchio” (danza, canto, recitazione) finalizzato alla realizzazione di uno spettacolo che si terrà prima di Natale e, solo per la quarta e la quinta, la continuazione dell’insegnamento del flauto da parte di un maestro di musica.
Altri progetti e laboratori verranno definiti successivamente nel corso dell’anno e così le gite.
Contemporaneamente alla scuola primaria sono pure iniziate le attività dei più piccoli al nido e alla scuola dell’infanzia.
Con l’inizio dell’anno scolastico, per la scuola primaria ed infanzia, si è rinnovato l’impegno dei volontari che accolgono, dalle 7,30 e fino all’arrivo degli insegnanti, gli alunni i cui genitori si recano al lavoro.
Un impegno promosso dall’Amministrazione comunale che permane da oltre un decennio e che i volontari pensionati svolgono con passione. E’ un’occasione per avvicinarsi al mondo della scuola, offrire un servizio ai genitori e simpatizzare con i vivaci bambini.
FESTA PER I 10 ANNI DEL NIDO DEGLI SCOIATTOLI
Sabato 30 settembre gioiosa festa di compleanno all’asilo nido per bimbi, genitori, nonni, ex allievi ora già alle medie per ricordare i dieci anni dalla fondazione.
Nato nel 2007 come asilo comunale voluto dall’Amministrazione Luisa Cucchi, il nido ha avuto sede presso la Villa Natalina Rossi e dal 18 settembre 2010 si è trasferito nella nuova sede nel plesso scolastico che ospita la scuola primaria e quella dell’infanzia.
Le educatrici sviluppano con entusiasmo il cammino educativo dei piccoli avvalendosi degli incontri di laboratorio di lettura a tema tenuto dalle volontarie della biblioteca.
La gestione è ora affidata alla cooperativa sociale “Il salice” fondata dalle stesse educatrici e sta lavorando a pieno ritmo con l’arrivo entro fine anno di circa 24 bimbi.
PLURI-PREMIATA LA SCUOLA G.UNGARETTI DI COMIGNAGO
 La favola del contadino Gino che aveva ricevuto in dono un piccolo robot da una famiglia proveniente da Robolandia costretta ad “atterrare”, è stato il tema conduttore che ha collegato il progetto dei nostri ragazzi al concorso nazionale “Officina robotica 2017” promosso da Pleiadi e Vivigas con lo scopo di introdurre strumenti avanzati nella didattica.
Sono 25 i bambini che hanno aderito al concorso realizzando un piccolo robot con materiale di recupero e raccontando l’esperienza concreta imparata durante l’anno.
Grande gioia per alunni e maestre quando si sono visti assegnare il primo premio nazionale consistente in 500 euro e materiale per l’allestimento di un laboratorio di robotica per tutto il plesso.
“Vietato dire che non ce la faccio” è stato invece il motto degli alunni della scuola primaria di Comignago che con le insegnanti hanno preparato un plastico raffigurante un modello di come secondo i loro gusti dovrebbe essere il giardino antistante la scuola, con tutte le caratteristiche adatte a trascorrere il tempo libero: un parco giochi a loro misura progettato per un tempo da dedicare alla scuola con laboratori ed ai giochi duranti gli intervalli.
Aderendo al concorso indetto dalla Brico che stanziava 1000 euro per il miglior progetto ed il maggior numero di contatti da inviare alla società,i nostri ragazzi hanno presentato il progetto che riguardava la realizzazione del parco come da plastico esposto nella scuola. Gli alunni hanno coinvolto i loro parenti, gli amici, i conoscenti arrivando a conquistare il secondo premio nazionale e ad incassare il premio di euro 1000 che sommato al premio di euro 500 “Robot one” sarà il contributo per gli interventi nel parco.
Il prato antistante la scuola si prestava per accogliere tutta l’esuberanza dei bambini ma occorreva metterlo in sicurezza e creare angoli dediti alle coltivazioni ed ai laboratori
Ci hanno pensato i genitori, gli stessi che avevano già tinteggiato le aule, provvedendo a piantare azalee, una vigna ed un piccolo orto, posizionando tappeti verdi sintetici intorno al parco, un gazebo con tavoli e panche che hanno già ospitato dei laboratori.
Il sindaco Piero David, ringraziando i genitori e le maestre, ha regalato ai 90 scolari schierati nel parco, dei bulbi che piantati ora fioriranno in primavera. A loro volta i bambini hanno regalato, per ora, dei fiori di plastica di loro produzione e per dimostrare il loro entusiasmo di Comignaghesi Italiani, si sono esibiti cantando l’Inno di Mameli.
Non solo compiti teorici per i piccoli scolari, anche educazione alla cura dell’ambiente ed al gioco amichevole.
NATI PER LEGGERE UNA SETTIMANA DI LETTURE IN COLLABORAZIONE CON LE SCUOLE
La settimana dal 23 al 27 ottobre ha visto arrivare in biblioteca tutti i bambini dalla scuola dell’infanzia alla primaria di Comignago ed anche i piccoli della scuola dell’infanzia di Agrate Conturbia.
Accompagnati dalle maestre, chi sfidando il traffico della via Principale, chi attraverso i prati che costeggiano la scuola e la biblioteca, con attenzione hanno ascoltato le letture a tema per ogni età e partecipato ai laboratori preparati dalla volontarie della biblioteca aderenti al progetto Nati per leggere.
Un appuntamento che si rinnova ogni anno con l’obiettivo di avvicinare i bambini alla lettura anche attraverso il dialogo e la manualità.


MANIFESTAZIONI ED EVENTI
COMIGNAGO SI E’ ACCESA CON UN GUSTO DA BORGO ANTICO
Dal pomeriggio di sabato 17 giugno per le vie del centro chiuse al traffico si respirava aria pulita da borgo antico mentre solerti organizzatori (Pro Loco, Comignago Calcio, Biblioteca, Comune) e proprietari di bancarelle si apprestavano ad allestire l’edizione 2017 de “Comignago s’ accende”.
I bambini, grandi fruitori dell’evento, potevano girare e giocare liberi dai pericoli del traffico riappropriandosi della piazza come facevano una volta i lori genitori.
Le volontarie della biblioteca nel parco del Comune hanno allestito giochi creativi ricavati da materiale di recupero ai quali i ragazzi si sono cimentati alla salubre ombra del nostro monumentale cedro dell’Himalaya.
Dalle 14,30 sono state aperte le esposizioni delle bancarelle con articoli vari: gioielli, bigiotteria, ceramiche dipinte a mano, prodotti di bellezza, fiori eseguiti all’uncinetto, giocattoli di legno, creazioni di artisti e hobbisti comignaghesi e di fuori paese.
Uno sguardo è andato anche alle mostre fotografiche allestite presso la sede del Comune che ricordavano gli eventi della giornata del Fai che aveva interessato Comignago e che ritraevano delicati aspetti e momenti della natura.
Sempre in Comune sono stati presentati i lavori del gruppo “Nati per leggere” presso l’asilo nido ed i laboratori per i ragazzi della primaria.
Nel corso della manifestazione si è dato anche inizio al secondo Palio dei Rioni che iniziato il martedì 20 giugno è continuato fino a domenica 25 presso il campo dell’oratorio abbinato alla festa patronale di San Giovanni Battista. Il parroco Don Sabino ha benedetto il palio ed i concorrenti ed in seguito si è proceduto al sorteggio dei rioni. La cerimonia è stata solennizzata dalla manifestazione degli sbandieratori di Arsago Seprio.
Purtroppo il sole cocente non ha risparmiato i pomeriggi e la folla si è fatta attendere sino a sera per partecipare sabato al concerto “Live Disco Show” in Piazza Martiri e domenica per chiudere la festa in “bellezza” con l’elezione di Miss Lago Maggiore abbinata al concorso nazionale “Una ragazza per il cinema”
Naturalmente la parte gastronomica l’ha fatta da padrona: in Piazza Martiri salamelle e birra alla spina proposte da Comignago Calcio ed in via Visconti la porchetta della Pro Loco.
Un grazie sentitissimo va a tutti i volontari che con pazienza si sono prestati alla buona riuscita dell’evento mettendo in campo tutte le loro migliori energie e sfidando due giorni di caldo eccezionale che purtroppo un po’ ha penalizzato l’affluenza di pubblico.
Un grazie particolare va al Signor Marco Klaus che con abnegazione mirabile è riuscito ad organizzare e coordinare l’intera manifestazione, appianando asperità, risolvendo problemi, aggirando ostacoli, concretizzando idee e proposte.
Un ultimo grazie va ai critici, agli scettici, ai detrattori… che con il loro pessimismo hanno dato energie e motivazioni in più agli organizzatori per dimostrare che nonostante le scarse risorse si può fare ancora comunità… o comunque provarci.




AVVISI
SOSTITUZIONE CONTATORI DELL’ACQUA
Si informa che ACQUA NOVARA.VCO ha avviato una massiva campagna di sostituzione dei misuratori idrici vetusti, totalmente gratuita per l’utente.
Nel sito del Comune potrete trovare i nominativi e le fotografie per un rapido riconoscimento degli addetti delle imprese aggiudicatarie che opereranno sul territorio.
Comunichiamo inoltre che per andare incontro alle esigenze degli utenti che lavorano, le ditte incaricate fisseranno gli appuntamenti anche di sabato.
VOLONTARI COMUNALI
Tutti i maggiorenni del nostro Comune che volessero far parte del Gruppo dei Volontari Comunali possono far domanda compilando apposito modulo.
E’ sempre possibile iscriversi e non è mai troppo tardi per farlo. Il Vostro sarà un contributo importante.
Informazioni presso il Comune

Tutte le Vostre comunicazioni dovranno pervenire
-          per posta all’indirizzo                    COMUNE DI COMIGNAGO Via Principale 4
-          per email all’indirizzo                    informa.cittadino@comune.comignago.no.it

mercoledì 7 giugno 2017

CÜMIAC(G) - GIUGNO 2017

Pubblichiamo il numero di giugno 2017 del foglio informativo  CÜMIAC(G)









Pubblichiamo il numero di giugno 2017 del foglio informativo  CÜMIAC(G)

venerdì 17 febbraio 2017

CELESTINA. IL MISTERO DEL VOLTO DIPINTO.

Marco Scardigli alla biblioteca civica di Comignago


Sala Consiliare del Comune di Comignago 
– Via Principale 4 – 
Venerdì 24 Febbraio p.v. – Ore 21.00.

In occasione del decimo anniversario della propria fondazione la biblioteca civica di Comignago organizzerà una serie di eventi. Inizierà gli incontri lo scrittore novarese Marco SCARDIGLI presentando il suo ultimo libro:  

CELESTINA. Il mistero del volto dipinto.

Scardigli, ha insegnato storia coloniale presso l’Università di Pavia, ed ha indirizzato principalmente i suoi scritti alla saggistica relativa alla storia militare ed in particolare alla trattazione della guerra, delle battaglie e della cultura bellica. Numerosi sono gli scritti in tal senso: Lo scrittoio del Generale (2006); La lancia, il gladio, il cavallo (2010); Le battaglie dei cavalieri (2012); Cavalieri, mercenari e cannoni (2014); Viaggio nella terra dei morti: La vita dei soldati nelle trincee della Grande Guerra (2017). Nei suoi scritti storici lo scrittore ha colto gli aspetti  politici degli eventi narrati, ma anche i coinvolgimenti sociali ed umani delle popolazioni interessate.
Questi elementi sono ulteriormente esaltati nel suo ultimo romanzo. CELESTINA. Il mistero del volto dipinto. Scritto in forma di “Noir”, forma letteraria che accresce la capacità dell’autore di tenere il lettore vincolato alla pagina, il libro,attraverso la descrizione meticolosa di numerosi personaggi, alcuni storici, apre una finestra sulla vita sociale di Novara e di alcune zone del Lago Maggiore agli inizi del 1900. Mediante queste descrizioni l’Autore ci fa rivivere i conflitti di una società, parte in decadenza e parte in attesa di un’evoluzione positiva del futuro progresso, le miserie e gli atti eroici del vivere quotidiano: la storia perenne dei VINTI e dei VINCITORI.


DIECI ANNI INSIEME


In un freddo mese di gennaio, non privo di neve, di dieci anni fa alcuni meritevoli promotori proposero l'apertura della

BIBLIOTECA CIVICA DI COMIGNAGO

Un buon numero di volontari, con buona volontà ma senza una grossa preparazione specifica, aderirono con entusiasmo alla proposta, convinti di creare un centro di aggregazione culturale nel nostro piccolo Paese. Come strumento guida è stato adottato il Manifesto UNESCO per le biblioteche pubbliche che individua in tali istituzioni la forza vitale per promuovere l'istruzione, la cultura e l'informazione con la finalità di promuovere la pace e il benessere spirituale delle menti di uomini e donne. Come auspicato dall'UNESCO che invita i governi nazionali e locali a sostenere le biblioteche pubbliche, le Amministrazioni Comunali, succedutesi in questi anni, non hanno mai mancato a dare il loro sostegno fattivo alla nostra biblioteca. Ci auguriamo che questo aiuto e sostegno non verrà a mancare, nonostante le ristrettezze di bilancio, anche negli anni a venire.
Ma un ringraziamento va indubbiamente riconosciuto a tutta la popolazione comignaghese che ha aderito entusiasticamente all'iniziativa con la generosa donazione di libri, sin dall'inizio della iniziativa e perdura tuttora..
Ma tutto questo non si sarebbe potuto realizzare senza la partecipazione dei Volontari che, nel pieno rispetto della legge sul volontariato, hanno sempre prestato gratuitamente la loro opera per il censimento, la conservazione e il prestito dei libri, nell'organizzare numerosi incontri culturali, nella partecipazione a tutti gli eventi del nostro Paese.



giovedì 16 febbraio 2017

SCUOLA DELL'INFANZIA DI AGRATE IN BIBLIOTECA

Mercoledì mattina la biblioteca è stata allietata da una gradita sorpresa: 
i bambini della scuola dell'infanzia di Agrate, 
accompagnati dalle loro insegnanti, sono venuti a conoscere la biblioteca!
Le nostre  hanno accolto con gioia questi nuovi lettori invitandoli a coltivare il piacere di una buona lettura. 
Hanno dato contenuto alla mattinata leggendo ai ragazzi, molto attenti e composti, la storia del pesciolino GUIZZINO che, aiutato da tanti altri piccoli pesciolini, riesce a spaventare, costringendo alla fuga un grosso pesce. 
La storia è stata illustrata nel suo divenire da immagini preparate dalle volontarie, ma con la fattiva partecipazione dei bambini.

"Conosco un pesciolino
che a forza di nuotare
scoprì d'essere vicino 
a dove dorme il mare

...................
Quel pesce era un bambino
Un libro era quel mare
Salta nelle pagine andiamo a navigare"

Guido Guarzo
Tratto da "GOCCE DI VOCE"







venerdì 13 gennaio 2017

UN FILO TIRA L'ALTRO

Parlano di noi ....
o meglio parlano di "UN FILO TIRA L'ALTRO" un gruppo di signore comignaghesi, sempre più attive e affiatate, che si riuniscono al Venerdì sera presso i locali della nostra biblioteca. Tra un pasticcino, un tè, qualche chiacchiera coltivano l'arte del cucito, del ricamo e dell'Amicizia. Complimenti!


Articolo pubblicato sull'Informatore del 23/12/2016 a firma i.p.

Ma non finisce qui. Il gruppo ci ha comunicato il calendario delle prossime riunioni. E noi lo pubblichiamo con piacere:


giovedì 12 gennaio 2017

MODIFICA ORARIO APERTURA


Finite le vacanze di fine anno, anche la nostra biblioteca riprende la propria attività, con una piccola variazione d'orario: 

il GIOVEDI' l'apertura sarà 
dalle ore 14:00 alle ore 16:00 

Allegato il nuovo orario di apertura.

sabato 31 dicembre 2016

SERATA VOLONTARI

COMUNE DI COMIGNAGO
(Provincia di Novara)

MARTEDI
10 GENNAIO 2017
 ORE 21.00

PRESSO LA SALA CONSIGLIARE

INCONTRO INFORMATIVO PER TUTTI I VOLONTARI E LE ASSOCIAZIONI DI COMIGNAGO

ALLA SERATA E’ INVITATA TUTTA LA CITTADINANZA

DATA L’IMPORTANZA DEGLI ARGOMENTI TRATTATI ED I FINI CHE LA SERATA SI PROPONE SI RACCOMANDA LA MASSIMA PARTECIPAZIONE.